Reg. 679/2016 – Privacy

REGOLAMENTO (UE) 2016/679  CONSIGLIO EUROPEO del 7 aprile 2016

Protezione delle persone fisiche con riguardo al trattamento dei dati personali

Il Regolamento europeo in materia di protezione dei dati personali, è entrato ufficialmente in vigore il 24 maggio 2016 e diventerà definitivamente applicabile in via diretta in tutti i Paesi Ue a partire dal 25 maggio 2018.

Il nuovo Regolamento comprende una serie di novità che interessano sia i cittadini, che le imprese, gli enti pubblici, le associazioni e i liberi professionisti. Tra le principali novità:

  • Il diritto all’oblio – si potrà ottenere la cancellazione dei propri dati personali, anche on line, da parte del titolare del trattamento qualora ricorrano alcune condizioni previste dal Regolamento
    • se i dati sono trattati solo sulla base del consenso
    • se i dati non sono più necessari per gli scopi rispetto ai quali sono stati raccolti
    • se i dati sono trattati illecitamente
    • se l’interessato si oppone legittimamente al loro trattamento.

Ci sono delle eccezioni in cui può essere limitato: per garantire l’esercizio della libertà di espressione o il diritto alla difesa in sede giudiziaria; per tutelare un interesse generale (ad esempio, la salute pubblica)

  • Non solo più responsabilità, anche semplificazioni per imprese ed enti- Il Regolamento promuove la responsabilizzazione dei titolari del trattamento e l’adozione di approcci e politiche che tengano conto costantemente del rischio che un determinato trattamento di dati personali può comportare per i diritti e le libertà degli interessati.
    • Un approccio promosso fin dalla fase di ideazione e progettazione di un trattamento, in modo da adottare comportamenti che consentano di prevenire possibili problematiche
    • In compenso, scompaiono alcuni oneri amministrativi come l’obbligo di notificare particolari trattamenti, oppure di sottoporre a verifica preliminare dell’Autorità i trattamenti considerati “a rischio”
  • Il diritto alla portabilità dei propri dati personali– Se finora l’uso era pressoché limitato alle compagnie telefoniche, ora riguarda tutti i titolari di trattamento dati, compresi i provider internet. Un esempio, si potrà cambiare il provider di posta elettronica senza perdere i contatti e i messaggi salvati.

Vietato il trasferimento ​di dati personali verso Paesi situati al di fuori dell’Ue – i dati potranno essere trasferiti solo con il consenso esplicito dell’interessato.

http://www.garanteprivacy.it/guida-all-applicazione-del-regolamento-europeo-in-materia-di-protezione-dei-dati-personali